Questo sito utilizza solo cookie tecnici, per i quali non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.

Accedi per utilizzare tutti i servizi del Portale e per l'Area riservata ai Soci.

Diversamente Bergamo

Accedi
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
La rubrica settimanale di Matteo Tiraboschi, con storie di vita e racconti della sua personale esperienza.

Questo forum è moderato: i nuovi topic saranno pubblicati dalla Miss.Bacheca Roby. Le risposte ai topic saranno tutte pubblicate.

ARGOMENTO: ACCADE IN PROVINCIA DI PAVIA

ACCADE IN PROVINCIA DI PAVIA 19/09/2013 22:42 #184

  • Roberta B.
  • Avatar di Roberta B.
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 82
  • Ringraziamenti ricevuti 3
Eccoci amici che visitate il sito Diversamente Bergamo e facebook. Ecco qui fresco fresco l'argomento di cui vi parlerò. Si, si, si, si, ne ho parlato più volte, ma ne parlo ancora perchè proprio i fatti di cronaca lo portano alla luce. Alludo all'articolo sulla provincia Pavese nel quale si parla di un ragazzo diversamente abile ricevuto in strada, perchè il palazzo del comune aveva troppi scalini e con la carrozzina non ci si riusciva a passare. Io davvero non so che dire, in questo secolo dove si parla tanto di progresso, che ci dovrebbe portare lontano, dove vediamo cose inutili che si fanno e altre utili che si dovrebbero fare e non si fanno, e magari questi soldi delle barriere architettoniche vengono usati per altro, o girati nei bilanci. Che schifo amici sentire queste notizie in questo secolo. Dovremmo avere tutto il mondo a misura di tutti e la nostra Italia è ancora così indietro. Non si vuole cambiare questa cultura, tutti blà blà blà, ma davvero sentire queste notizie fa male a me e penso a tutti i diversamente abili e al paese intero. Quando davvero avremo una nazione a misura di tutti? Quando davvero tutte le grandi associazioni forti si impegneranno di più per questa lotta che non finisce mai? Cari dirigenti di queste belle associazioni, in una vi sono iscritto anche io, quindi mi permetto di dirlo con forza, con voce alta, dicevo, cari presidenti non è che se ottenete 2 o 3 semafori acustici in una città la lotta finisce... no, anzi, bisogna insistere, tutto serve da sprone per continuare. Io spero, e lo continuerò a sperare, che questa nostra bella Italia davvero possa diventare un paese a misura d'uomo per tutti. Io, e penso anche gli amici della mia Diversamente Bergamo, per quanto possiamo, diremo sempre ciò che non va e denunceremo sempre questi fatti e faremo di tutto affinché, nel nostro piccolo, vengano annullate e tolte le barriere fisiche e mentali, e ce ne sono tante amici. E queste notizie che leggiamo lo dimostrano. Amici diversamente abili, concludo ripetendomi, stà anche a noi cambiare la cultura, in tanti non escono di casa, in tanti stanno ore al pc a predicare, a fare sproloqui, a invidiarsi e criticarsi l'un l'altro, anche con me capita, e come se capita. Quante critiche e invidie che sento, soprattutto dai miei colleghi, tanti, come li chiamo io orbi. Non tutti grazie a Dio. Cambiamola quindi sta cultura, ma cominciamo a cambiarla dentro di noi. Basta con le prediche, servono i fatti.
Roberta B.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.094 secondi

 

 
 Per scrivere su un topic è necessario essere registrati.
Registra un Account gratuito, cliccando qui.
 
 
 
 
 
Diversamente Forum è il Forum dell'Associazione Diversamente Bergamo ed è regolamentato da specifico regolamento.
La sottoscrizione di un nuovo account e la pubblicazione, implicano che l'utente abbia accettato il regolamento di utilizzo.
Ciascun utente è responsabile per le note che pubblica.